Questo sito web utilizza cookie per agevolare l'accesso e la navigazione, continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.  Acconsento Info cookie

AGENZIA PIANETA CASA

Soluzioni immobiliari

CASE • VILLE • TERRENI

La giusta soluzione ai tuoi desideri. Troverai la casa adatta alle tue esigenze.

›› Altri dettagli

Fotovoltaico sul tetto

 FOTOVOLTAICO SUL TETTO

 

SONO SEMPRE PIU' I PANNELLI FOTOVOLTAICI SOPRA I NOSTRI TETTI

 

La scarsità dei principali prodotti energetici e il sempre maggiore inquinamento atmosferico, ha in questi ultimi anni indotto la popolazione e i governanti di quasi tutti i paesi ad una maggiore sensibilità verso fonti di energia alternativa e rinnovabile. Tra le tante possibilità quella che più è a contatto con la gente comune ed in particolare con la casa è il Fotovoltaico. Basato su un fenomeno scoperto da Edmond Becquerel nel 1839, di fatto ha trovato applicazione solo negli anni '70 in ambito ad applicazioni spaziali. Con la realizzazione della prima cella a silicio amorfo nel 1997 si inizia una produzione su larga scala che, ad oggi, ha coinvolto i tetti di molte case soprattutto in Europa. Anche se ancora poco conveniente dal punto di vista economico, visti gli elevati costi di produzione ed installazione, gli incentivi statali, ed ora il decreto ministeriale del 19 febbraio 2007 e le previsioni del meccanismo di incentivazione dell'energia prodotta, lo rendono una soluzione appetibile sia dal punto di vista economico che da quello ambientale. Il fotovoltaico si sta evolvendo molto in fretta spinto dall'aumento dei prezzi del petrolio, dal maggiore inquinamento delle nostre città, dalle nuove tecnologie che lo rendono sempre più efficiente e dall'aumento di richieste e di produzione che lo rendono a sua volta sempre meno costoso. Oggi sono necessari circa 6 mq di pannelli a Kwh, un rapporto che sta migliorando e migliorerà velocemente nei prossimi anni. Esistono diverse tecniche per incrementare l'efficienza: le principali sono l'uso di inseguitori o di lenti e di specchi, sistemi che risultano poco adatti alle nostre abitazioni, dove si utilizza quasi esclusivamente l'installazione fissa sul tetto che dovrà essere effettuata orientando i pannelli nella giusta direzione e con adeguata inclinazione. Il conto energia consente di usufruire di tariffe incentivanti diverse in funzione delle potenza nominale fornita dall'impianto, ma soprattutto per il tipo di realizzazione, che ne determina l'impatto ambientale. Si avrà pertanto nella fascia di impianti con una fornitura tra 1 e 3 Kw, tariffe di 0,40 euro/Kwh per impianti non integrati architettonicamente, 0,44 euro/Kwh per impianti parzialmente integrati e 0,49 euro/Kwh per impianti integrati. La tariffa individuata è riconosciuta per un periodo di 20 anni a decorrere dalla data di entrata in esercizio dell'impianto. Lo stesso decreto ministeriale prevede ulteriori meccanismi di incremento e decremento degli incentivi in relazione all'anno di attivazione o all'edificio su cui viene installato, come scuole, strutture sanitarie, agricole. E' evidente che la scelta del tipo di installazione, dei materiali usati, possono condizionare notevolmente il rendimento dell'impianto e gli incentivi ottenibili, essendo legati oltre al montaggio anche alla quantità di energia prodotta. Un accurata scelta e studio di fattibilità, oltre che determinare la giusta scelta, consentono di ottenere, in capo a un periodo di funzionamento dell'impianto di 25-30 anni, un adeguato risparmio economico, oltre ad aver contribuito a rendere questo pianeta più pulito.

 

geom. Maurizio Tartagni